Progetto 3DNet

RETE > INFORMAZIONE -> SVILUPPO: PROGETTO 3D – NET

  • Quali sono gli enti promotori?

ENGIM Internazionale, SOL MANSI Roma, Comune di Roma.

  • Qual è l’obiettivo del progetto?

– ridurre il divario esistente tra chi può accedere alle nuove teconologie e chi no (digital divide);
– rafforzare competenze e fornire strumenti alle organizzazioni non governative e associazioni di base guineane, che cooperano e/o collaborano con SOL MANSI;
– rafforzare lo staff locale di SOL MANSI.

  • Come viene realizzato?

Il progetto prevede 5 livelli di azione:

1 – Formazione tecnica per l’uso delle strumentazioni necessarie;

2 – Formazione tesa a rafforzare le capacità di relazione con le istituzioni locali, nazionali ed internazionali e con gli altri nuclei di resistenza ed innovazione presenti sul territorio;

3 – Formazione tesa a rafforzare la capacità di ideare, condurre, realizzare azioni di sviluppo sul territorio;

4 – Riflessione comune su:
– cooperazione
– progettazione condivisa dello sviluppo
– giustizia sociale (dignità, diritti umani, beni comuni)

5 – Interscambio a livello nazionale e internazionale, attraverso una piattaforma on-line, realizzata allo scopo.

La metodologia applicata nelle diverse azioni del progetto è basata sullo “sviluppo delle capacità” (capacity building). Per “capacità” si intende l’abilità degli individui, delle organizzazioni e delle società di realizzare le proprie funzioni, risolvere i propri problemi, conseguire risultati durevoli. “Capacity building” è quel processo che permette di acquisire, rafforzare, adattare e mantenere nel tempo questa abilità, attraverso diverse fasi quali: identificazione dei problemi, risoluzione degli stessi, elaborazione di un piano di trasformazione ed implementazione, valutazione dei cambiamenti.

  • Dove viene realizzato?

SOL MANSI mette a disposizione le proprie sedi in Bissau – in particolare quella situata nel bairro (quartiere) di Antula – per il coordinamento generale e la realizzazione delle attività formative, oltre che il proprio staff locale ed internazionale per lo sviluppo del progetto in loco. L’edificio di riferimento, in cui si attuano le attività formative e presso il quale avrà sede il Centro di cultura e di documentazione (Centro polivalente), è stato realizzato a cura da SOL MANSI, su uno spazio legalmente concesso dalla comunità residente nella tabanka di Kuyo (Antula) e registrato agli atti del Municipio di Bissau. Il Centro di documentazione ha ricevuto il supporto tecnico di CODESS CULTURA Soc. Coop.

ENGIM Internazionale cura le attività da svolgersi in Italia, il coordinamento della progettazione e della gestione della piattaforma on-line (o network), l’amministrazione del progetto nel suo complesso, facendo riferimento alle sedi romane dell’Organizzazione.

  • A che punto è il progetto?

A settembre 2009 si è conclusa la prima fase del progetto, che ha visto il coinvolgimento di 3 organizzazioni locali nelle attività di formazione, nella costituzione del centro di documentazione ad Antula, nell’avvio della piattaforma on-line. Il progetto andrà avanti per altri 2 anni, corrispondenti ad altrettante fasi, nei quali è previsto l’allargamento ad altre 4 organizzazioni.

Ecco le foto… buona visione! (photogallery 2009)